Itinerari turistici

Mappa dei Monumenti e Siti da visitare

Mappa dei Monumenti e Siti da visitare

 

Liternum

Liternum

La città di Liternum, una delle più antiche colonie romane, viene fondata nel 194 sulle fertili sponde della Literna palus. Conobbe la sua massima fioritura in età augustea grazie alla costruzione della domitiana che ne favorì i collegamenti con Roma e l’area flegrea.

Il Parco archeologico si estende in un’area di 85.000 mq sulle rive del lago Patria percorribili. Confina con una splendida pineta, la ‘Silva Gallinaria’, descritta da Plinio il giovane, posta a ridosso del mare ricca di piante mediterranee e di numerose specie di uccelli. Guide archeologiche e naturalistiche accompagnano i visitatori alla scoperta del luogo. Postazioni di birdwatching, visite a cavallo e in bicicletta alcune delle attività offerte dal Parco di Liternum.


Campi Flegrei

Campi Flegrei

I Campi Flegrei sono una vasta area di natura vulcanica situata a nord-ovest della città di Napoli; la parola “flegrei” deriva dal greco flègo che significa “brucio”, “ardo”. Nella zona sono tuttora riconoscibili almeno ventiquattro tra crateri ed edifici vulcanici, alcuni dei quali presentano manifestazioni gassose effusive (area della Solfatara) o idrotermali (ad Agnano, Pozzuoli, Lucrino), nonché sono causa del fenomeno del bradisismo (molto riconoscibile per la sua entità nel passato nel cosiddetto tempio di Serapide a Pozzuoli).


Pozzuoli

Pozzuoli

Pozzuoli era in origine uno scalo commerciale greco cumano, la città vera e propria fu fondata nel 528 a.C. da un gruppo di esuli sami, con il nome di Diceàrchia (in greco Δικεάρχια cioè giusto governo[6]).

Nel 421 a.C. passò in mano ai sanniti. Dopo la conquista romana della Campania (228 a.C.), Puteoli (oPuteolos, in greco Πυτέολος) (così ribattezzata per via delle numerose sorgenti di acque termo-minerali) cominciò ad acquistare importanza e il suo porto divenne fondamentale per gli scambi commerciali dell’epoca.

Nel 194 a.C. Pozzuoli divenne una colonia romana e da quel momento la sua importanza crebbe sempre più, perché i romani ne fecero il loro porto principale[7]. La collegarono con un’ottima rete stradale all’Urbe e alle città più importanti della Campania, mentre tutte le più fiorenti città marittime dell’Oriente vi impiantarono stazioni commerciali. Furono costruiti mirabili monumenti come l’Anfiteatro Flavio, il Tempio di Serapide, loStadio di Antonino Pio, l’Anfiteatro Minore e il Tempio di Augusto.

Situata sull’omonimo golfo, Pozzuoli si trova in un’area vulcanica, i Campi Flegrei (cioè campi ardenti), che comprende un vulcano ancora in attività, la Solfatara. Fenomeno geosismico tipico di questa città e dell’intera area dei Campi Flegrei è il bradisismo, ossia il sollevamento e l’abbassamento della crosta terrestre a seguito dell’aumento della pressione sotterranea. Il rapido innalzamento del livello del mare coinvolse negli anni ottanta il porto, che fu riposizionato circa 50 metri più avanti rispetto alla collocazione precedente.


Solfatara

Solfatara

Solfatara

Il vulcano Solfatara, dal cratere ellittico (m. 770 x m. 580), risale a circa 4000 anni fa ed è l’unico dei Campi Flegrei ancora attivo con impressionanti manifestazioni fumaroliche.
L’ultima eruzione, per altro storicamente non accertata, risalirebbe al 1198.


Antro della Sibilla

Antro della Sibilla

Antro della Sibilla

Il monumento, tutto scavato nel tufo, affascina e incute paura, per l’atmosfera di mistero che lo circonda.
Stando alla descrizione di Virgilio (Eneide, libro VI), è proprio in questo luogo da ricercare la sede della leggendaria sacerdotessa di Apollo. Ma potrebbe essere anche un raro esempio di
architettura funeraria di ispirazione cretese-micena. Un corridoio (dromos) lungo m. 131,50, largo m. 2,40 e alto circa m. 5, di forma trapezoidale e illuminato da sei aperture laterali, conduce in un ambiente arcuato nel quale si
affaccia un altro più riposto.
Recenti studi attribuiscono alla struttura una funzione difensiva della sottostante area portuale.


Tempio di Serapide

Tempio di Serapide

Tempio di Serapide

Durante lo scavo (1750) fu rinvenuta una statua del dio egiziano Serapis e, pertanto fu ritenuto impropriamente un “tempio”. E’ il macellum (mercato) annesso all’area portuale (I-II sec. d.C.). Le tre colonne in marmo cipollino presentano evidenti tracce di fori praticati dai litodomi che testimoniano l’alterno movimento bradisismico della zona.


Reggia di Caserta

Reggia di Caserta

Reggia di Caserta

La Reggia di Caserta, o Palazzo Reale di Caserta, è una dimora storica appartenuta alla casa reale dei Borbone di Napoli, proclamata Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO


Scavi di Pompei

Scavi di Pompei

Scavi di Pompei

Gli scavi archeologici di Pompei hanno restituito i resti dell’antica città di Pompei, presso la collina di Civita, seppellita sotto una coltre di ceneri e lapilli durante l’eruzione del Vesuvio del 79, insieme ad Ercolano, Stabiae ed Oplonti


Capri

Capri

Capri

Lussureggiante, straordinaria, dal clima mite.
Di origine calcarea, Capri è l’isola mediterranea che ha visto nel tempo transitare intellettuali, artisti e scrittori, tutti rapiti dalla sua magica bellezza.
Un mix di storia, natura, mondanità, cultura, eventi, che qui si incontrano tutti i giorni e che hanno dato vita al Mito di Capri, un mito senza eguali nel mondo.


Ischia

Ischia

Ischia

Ischia è un’isola dell’Italia appartenente all’arcipelago delle isole Flegree, in Campania.